Archivio per la categoria Info

il nuovo sito del csoa sans papiers

informazione, fotografia, video, podcast audio,eventi  e tante altre novità le puoi scoprire sul nostro nuovo sito

 

follow us !! lunga vita ai Ribelli !!

 

http://sanspapiers.sonarproject.net

Nessun commento

csoa sans papiers 9 anni di occupazione

2005 – 2014 occupybankitalia
dibattiti – concerti e presentazione di libri per festeggiare 9 anni di storie infinite .


20 marzo 2014 :

ore 18.30 Dibattito pubblico:
“Dalla delibera 26 al patrimonio comune : assaltiamo la proprietà ”

leggi il programma qui

ore 20.30 Cena sociale benefit spese legali

ore 21.30 presentazione del fumetto:
“Piccolo Atlante Storico Geografico dei Centri Sociali Italiani” di Claudio Calia edito da Becco Giallo editore.

http://www.beccogiallo.org/shop/104-piccolo-atlante-storico-geografico-dei-centri-sociali-italiani.html

http://www.dinamopress.it/news/mappe-della-liberta

Diretta audio su http://www.radiosonar.net/
——————————————————————————

21 Marzo 2014 :

ore 18.30 Aperitivo radiofonico:
“Diritto d’autore, tutela della proprietà intellettuale, autoproduzioni e #nosiae” e presentazione del progetto di Coproduzione del Nuovo Album di Stefano Petucco & Annalisa Marra “Disillusione”

Partecipano:

Mompracem Production
(Napoli – Mezzocannone 12/14 occupato)

Shotgun records
(Napoli – Mezzocannone 12/14 occupato)

L’autoradio
(Perugia)

RadioSonar
(Roma)

RadioRoarr & SonarProject
(Pisa)

Teatro Valle Occupato
(Roma)

#RomaPirata – Partito Pirata

Stefano Petucco & Annalisa Marra

Diretta audio su http://www.radiosonar.net/

ore 21.00 Cena a buffet benefit spese legali

ore 22:00 Rap Hip-Hop live show case con:

PUGNI IN TASCA ( Quadraro – Roma ) VS SHOTGUN RECORDS ( NAPOLI )

ore 24:00 TORTA DI COMPLEANNO A DUE PIANI CONTRO LA CEMENTIFICAZIONE E LA SPECULAZIONE IMMOBILIARE

ore 24.30 : Trash night con:
BANCARELLA DEL TERRONE ft Ro.T.A.S. Roma Trash All Starz & special guest

https://www.youtube.com/channel/UCzMzD0ZYlYOQOygxQML72xg

closing : 3.00 a.m
——————————————————————————

22 marzo 2014:

ELECTRO SONAR PARTY – The Cockroach & Me – A Nice Trip Party Edition

https://www.youtube.com/watch?v=szvLkaDRJhE#t=0

ORE 22.00 Resident djs warm up:

Dj CRR WRST – Berlin Calling RadioSonar
[Minimal Tech - Deep House - Tech House - Techno]

Roccia – Resident C.S.O.A. Sans Papiers
[Electrofunk - Electro Balkan & more]

SPECIAL GUEST:

LAOWAI (Cromedrop Family)

http://www.cromedrop.com/music/laowai/

http://radio.sonarproject.net/media/podcast/1213/dirette/provocazioni4/set5-laowaicromedrop.mp3

MISS LOONY MissanthropeakPj

https://soundcloud.com/missloony-missanthropeak

http://radio.sonarproject.net/media/podcast/1213/dirette/provocazioni4/set1-missloony.mp3

- The Cockroach & Me – A Nice Trip Party-

Festa di lancio per una partenza speciale: Theo Rodriguez arriverà in Giappone pedalando e da questa esperienza nascerà un programma televisivo, oltre che una collaborazione con Radio sOnar, che cercherà di tenere un diario di viaggio in video e parole. Prima di partire per il Giappone ci sarà un warm up, una Roma-Berlino-Roma che inizierà proprio alla fine della festa. Theo ci offrirà una performance e ci fornirà delle informazioni su questa sua esperienza. Teaser al link

https://www.youtube.com/watch?v=szvLkaDRJhE#t=0

closing 3.00 pm

Nessun commento

BANKITALIA: palazzi precari, vite precarie. Ora facciamo i conti.

Dopo 8 anni Bankitalia si accorge che una struttura del suo immenso patrimonio è decadente, in precarie condizioni, e chiede lo sgombero di 50 famiglie, di un centro sociale, di una radio e di un’officina di arte e di comunicazione.

CI TROVERETE LA’ DAVANTI, PRONTI A PRESENTARVI IL CONTO È notizia di oggi che Bankitalia annuncia un altro anno di recessione. Un altro anno in cui, in nome dei conti da sistemare, verranno proposte politiche di austerity, di tagli al welfare, di riduzione del benessere sociale. Lacrime e sangue. Per far fronte a un debito del quale gli unici responsabili sono politici, grandi imprenditori, banchieri e finanzieri.

La nostra storia inizia otto anni fa, a viale Carlo Felice 69, a due passi da piazza S. Giovanni.
Tra le tante proprietà della Banca d’Italia di quel quadrante, una giaceva in “pericolante” stato di abbandono, da anni.
Come da anni migliaia di famiglie e persone a Roma combattono con affitti da strozzini, e carenza di risposte da parte del governo della città all’emergenza abitativa.

La soluzione all’emergenza abitativa è di norma affidata ai grandi costruttori, che tanto per dare impulso al mercato del cemento, dietro cui si celano capitali da ripulire, ottengono dalle amministrazioni appalti per costruire interi quartieri nel deserto, senza servizi, sventrando i territori, creando ghetti e condizioni di vita impossibili.

In questo contesto, 50 nuclei familiari in emergenza abitativa decidono di alzare la testa, riprendersi i propri diritti e la propria dignità, e occupano quello stabile.
Cosa è successo in questi otto anni?
Il Comune ha dato delle risposte a queste famiglie?
La Banca D’Italia ha mandato degli operai a iniziare i lavori per ristrutturare l’edificio e riprenderselo?
No, niente di tutto questo.

Perché un palazzo, se vuoto, o occupato, è comunque una rendita, la base su cui costruire i meccanismi di produzione finanziaria della ricchezza, di quella rendita finanziaria con la quale hanno costruito un castello di carta che dal 2007 si sta sgretolando. Abitare per noi, significa vivere, e vivere significa farlo con dignità e con diritti. Se non ce li danno, ce li prendiamo, per dire a tutti che quando certe cose non si hanno, è un furto e un’ingiustizia ed è qualcosa che va combattuto.
A pochi mesi di distanza, nello stesso palazzo nasce un centro sociale, il CSOA SANS PAPIERS. Un centro sociale polifunzionale, promotore di cultura libera e libero sapere.
Un altro tassello della nostra lotta per i diritti. Perché da uno stabile abbandonato e da un gruppo di sognatori di un mondo migliore, possono nascere tante cose.

I cinema chiudono, i teatri diventano bingo o posti del genere.

In tutti questi anni siamo rimasti Sans Papiers: senza documenti, senza un contratto di affitto, senza un contratto di lavoro, senza tanti documenti che rappresentano diritti, senza tanti diritti per cui non occorre alcun documento per rivendicarli.

E allora, a chi ci chiede di liberare lo stabile, perché è in precarie condizioni di stabilità, rispondiamo che le nostre vite sono precarie, voi ne siete responsabili, e ora facciamo i conti. CSOA SANS PAPIERS – RADIOSONAR – ACTION Carlo Felice

Nessun commento

FERMARE I VIOLENTI IN DIVISA

Libertà immediata per gli attivisti fermati in Val di Susa

Chi ha guardato il telegiornali (tutti, nessuno escluso) della straordinaria giornata di lotta in val Susa non ha potuto sapere nulla. Se non la versione dei comandi dei carabinieri, della finanza, della polizia.
Chi ha visto i tg non ha saputo che tre nostri fratelli sono stati tra i molti aggrediti, picchiati, feriti gravemente e sottoposti a torture.
Jacopo, studente veneziano di 19 anni, è tuttora in ospedale con traumi gravissimi ed in condizioni molto serie. Il poliziotto che gli ha sparato una granata lacrimogena da guerra lanciata ad alzo zero lo ha fatto volontariamente e sapendo di poter uccidere.
Fabiano, del Centro sociale TPO ed attivista per la giustizia ambientale e sociale -non “un pregiudicato” come riportato dai lanci di agenzia- è stato ferito gravemente riportando traumi lacero-contusi al capo, il setto nasale fratturato ed ha una mano spaccata.
Fabiano è stato picchiato per ore, anche con un tubo di metallo, e sottoposto a torture dopo il suo fermo, fino a rendere necessario il suo trasporto d’urgenza con elicottero in ospedale.
Gianluca, attivista del Centro sociale Rivolta è stato fermato e trasportato in ospedale per le botte ricevute.
Agli arrestati è stato riservato un trattamento violento e privazione delle cure mediche (tant’è che posti di blocco hanno più volte tentato di impedire il passaggio dell’ambulanza per soccorrere i feriti). Chi lo ha fatto è un torturatore in concorso con altri, che vestono la stessa divisa.
A distanza di 10 anni da Bolzaneto, le pratiche dei reparti mobili italiani non sono cambiate per nulla.
Noi stiamo con Fabiano, con Jacopo, con Gianluca e staremo con loro per denunciare quello che hanno subito, per ottenere giustizia e facciamo appello ai giornalisti che non hanno smesso di pensare affinchè diano spazio e visibilità a questa altra verità che il can can mediatico di queste ore occulta completamente.
Chi si dissocia da “comportamenti violenti” si rivolga al Ministro Maroni e reclami le sue dimissioni, invece di confondersi nel gioco di distinzione tra manifestanti buoni e cattivi.
Ribellarsi ha significato costruire una giornata di indignazione generale, enorme e non ignorabile, con un assedio di massa di decine di migliaia di persone che hanno bloccato i cantieri accogliendo l’appello dei comitati no tav.
Noi eravamo a Chiomonte ed in Val Susa. E siamo felici di esserci stati. Perchè né Cota né Fassino possono fermare il vento che è cambiato.
Tutti liberi! Liberi tutti!
http://www.globalproject.info/

 

Nessun commento

NON ABBIAMO PAURA. DIRITTO ALLA CASA!

Emergenza abitativa a Roma. Emergenza democratica a Roma

Questa mattina il nostro quartiere ha assistito alla violenza gratuita delle forze di polizia.

Oggi, 21 giugno 2011, il quartiere della Garbatella ha assistito sgomento alla violenza ingiustificata delle forze dell’ordine intervenute per supportare l’ufficiale giudiziario di turno chiamato ad eseguire uno sfratto ai danni della signora Flavia e delle sue due bambine. Un’operazione di forza che supporta l’assenza di una politica abitativa da parte dell’amministrazione comunale e non fa che aggravare la precarietà di chi abita a Roma. All’arrivo dell’ufficiale giudiziario erano presenti, come di consueto, a supporto della famiglia sotto sfratto, i militanti della lotta per il diritto all’abitare testimoni, insieme ai residenti dei lotti, di un comportamento aggressivo ed oltre misura della polizia: durante le operazioni di sgombero ed anche successivamente, le forze dell’ordine si sono rese protagoniste di diversi abusi e violenze. Il bilancio è pesante: 5 donne ferite e medicate al pronto soccorso e tre fermati. I tre sono tutt’ora rinchiusi in carcere e subiranno domani mattina un processo per resistenza a pubblico ufficiale alle 9 a Piazzale Clodio. La signora Flavia, colpita alla testa, la anziana madre ferita alla gamba, una amica di famiglia che durante il parapiglia generale è stata schiacciata riportando una frattura al piede e la vicina di casa travolta dalla porta del suo alloggio confuso dalle forze di polizia con l’alloggio da sgomberare e perciò abbattuto. La quinta donna ha riportato ecchimosi sul volto e sulle braccia a seguito del fermo avvenuto diverse ore dopo lo sgombero mentre si trovava fuori al commissariato a sostegno delle tre persone fermate.

Nel pomeriggio abbiamo deciso di denunciare l’accaduto nella piazza del Campidoglio, per ribadire anche il responsabile di quanto accaduto, ma siamo stati di nuovo allontanati dalle forze di polizia che hanno blindato la zona. Neanche la presenza dei feriti ha attenuato la loro arroganza e prepotenza.

NON UN PASSO INDIETRO. GARBATELLA RESISTE!

22/06/2011

Presidio ore 9.00 sotto il tribunale a p.Clodio

TuTT@ liber@

Conferenza stampa ore 13 nella sala consigliare dell’XI Municipio

csoalastrada.info casettarossa.org actiondiritti.net

Roma 21/06/2011

 

Nessun commento

Il C.S.O.A. Sans Papiers è in Viale carlo felice 69b Davanti Piazza San Giovanni, potete arrivarci facilmente scendendo alla fermata San Giovanni della Metro A o prendendo il tram n.3, la fermata è di fronte al Centro Sociale. Potete contattarci inviando una mail al seguente indirizzo:spapiers@inventati.org.

Nessun commento